Home / Venezia / Arsenale di Venezia
arsenale, venezia
L'arsenale di Venezia.

Arsenale di Venezia

L’Arsenale di Venezia aperto al pubblico? Non troppo!

L’Arsenale a Venezia racchiude in sé il volto della città. È un ambiente che vede la sua origine nel 1200 circa dopo lo spostamento, avvenuto per ragioni strategico-difensive, del primo nucleo situato nel  Bacino di S. Marco. Il nuovo arsenale è infatti spostato verso nord-est con una maggiore apertura verso il mare.

La struttura dell'”Arsenale Vecchio”  era composta da una serie di “tese” o capannoni affacciati fra loro cinti da mura fortificate ed un unico accesso ben difeso. Attualmente l’”Arsenale Vecchio” è quell’area che si intravvede dalla monumentale “Porta dei leoni” quando si riesce a sbirciare senza farsi cacciare dalle guardie della Marina Militare!

Possiamo ben dire che anche oggi quest’ingresso è ben difeso! Parliamo di un ingressi “sia da terra che da mar”, infatti, dal Rio dell’Arsenale accedono al suo interno solo imbarcazioni della Marina Militare e dalla Porta dei Leoni il personale della Marina stessa.

L’Arsenale e Dante

L’Aresenale di Venezia è stato richiamato da Dante nella Divina Comedia per significare quanto il proliferare di attività al suo interno, il batter sull’incudine del martello, il fuoco delle fucine ed il tagliar d’ascia evocassero nel poeta come rappresentare l’Inferno. “Quale nell’Arzanà de’ Viniziani bolle l’inverno la tenace pece a rimpalmare i legni lor non sani.” (Dante, 1321).

Nel tempo l’Arsenale è stato ampliato (possiamo parlare di ben 9 ampliamenti in direzione nord-est) ma, già in periodo cinquecentesco (vedi pianta storica del De Barbari )  ,era definita quella struttura, chiamata “aresenale storico”, che ha fatto le fortunate sorti della Serenissima.

Nel periodo di dominazione francese è stato aperto un nuovo “ingresso da mar” e costruita quella che viene chiamata Torre di Porta Nuova o Alberaria (oggi restaurata ed accessibile al pubblico). L’importanza del complesso si è mantenuta strategica fino alla fine dell’ultima guerra mondiale (vedasi bunker all’interno dell’area) così come il grande fascino che suscitava in quanti si recavano a Venezi ancorati ai ricordi dei fasti del “700 veneziano”.

Ancor oggi circondato da mura l’Arsenale rimane per i veneziani un mistero: qualcosa da svelare.

L’Arsenale oggi

L’attuale utilizzo delle aree dell’Arsenale a parte quello della Marina è frammentato in molteplici attività e fruitori. Buona parte è utilizzata dall’ente Biennale per le sue periodiche  esposizioni, altre zone sono anch’essi spazi culturali, altri destinati alla ricerca, principalmente legata all’ambiente marino lagunare e per il funzionamento / mantenimento del Mose.

Attualmente l’unico ingresso al pubblico può avvenire dalla parte nord attraversando la “Tesa 105”, visitabile liberamente dal lunedì al venerdì negli orari 9-18,  ed arrivando così a contemplare lo spazio d’acqua che si apre sulla “Darsena Nuova”.

In parte ancora dismesso e degradato l’Arsenale rimane inaccessibile ai più, ed il mistero continua.

Potete avere maggiori dettagli cliccando sul sito della provincia di Venezia:

http://www.turismo.provincia.venezia.it/turismoambientale/cd_1/itinerari/arsenale/arsenale.html

Mappa interattiva dell’Arsenale di Venezia

Silvana Foffano

Silvana Foffano
Dopo un periodo di studi e lavoro nel settore architettura mi sono dedicata all'insegnamento ricavandone motivazione e soddisfazione.Ho proseguito i miei studi nell'ambito della formazione specialistica per poter acquisire le metodologie utili all'apprendimento, in relazione al quale ho svolto attività di docenza per conto dell'Università "Cà Foscari" di Venezia.Attualmente sono Docente Discipline Geometriche, Architettoniche, Scenografia, Arredamento presso Scuole Medie Statali di I° e II° grado.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*