Home / Associazioni / Assicurazione Professionisti
Assicurazione Obbligatoria.
Assicurazione Professionisti.

Assicurazione Professionisti

Assicurazione obbligatoria per i Professionisti – Devono dotarsi di una polizza professionale che copra dagli errori commessi nell’esercizio della professione. Per chi è obbligatorio e per chi no. Costo medio 600 euro l’anno. Un business da 550 milioni di euro per le compagnie assicuratrici.  Date un incarico a qualche professionista? Chiedete l’assicurazione!

Assicurazione obbligatoria da giovedi 15 agosto per circa 900 mila tra commercialisti, notai e ingegneri, per legge. Sappiamo che la tutela del cittadino è importante, ma non tutti sono obbligati. E se qualcuno non fa l’assicurazione? Solo la sanzione dell’ordine. Insomma, in un paese nel quale molti sono a casa senza lavoro, facciamo lavorare le assicurazioni con la responsabilità civile (Rc professionale). Grande novità che riguarda i commercialisti, i contabili, i notai, gli architetti, i geometri, gli ingegneri. E i giudici? Non è previsto, non sono liberi professionisti. Non ancora invece i medici e gli altri professionisti del settore sanitario, come farmacisti e veterinari, che godono di un anno di rinvio. Gli avvocati sono esentati, dato che  dovrebbe (presto?) concludersi la riforma forense.

Assicurazione Obbligatoria.

Assicurazione Professionisti.

Assicurazione per Ingegneri

Per gli ingegneri bisogna distinguere però tra chi esercita la professione e chi no. L’obbligo di assicurazione RC professionale per gli iscritti all’Ordine degli ingegneri è solo per chi esercita in modo effettivo l’attività libero-professionale. Ne consegue che non sono obbligati a stipulare una polizza RC professionale gli ingegneri non iscritti all’Albo e quelli iscritti, ma che non esercitano realmente la professione; per esempio i dipendenti di aziende private che non firmano i progetti, oppure gli ingegneri assunti dalla amministrazione pubblica, che esercitano la professione solo per il proprio Ente pubblico.

Obbligatorio informare

I clienti devono essere informati. I professionisti li devono informare al momento dell’incarico sugli estremi delle polizze e sui relativi massimali di copertura. Questi massimali, così come copertura dei rischi, scoperti, franchigie e così via, vengono scelti dal professionista in sede contrattuale.

La polizza professionale è prevista dalla riforma delle professioni con il Dpr 137/2012: “il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall’esercizio dell’attività professionale”.

Assicurazione – Cosa copre?

Copre il cliente per i danni provocati da errori e negligenze dei professionisti, (da provare). Ma non esiste sanzione, al massimo c’è un “illecito disciplinare” per il quale può intervenire l’ordine di appartenenza. La compagnia non ha l’obbligo di stipulare la polizza (come invece avviene per la Rc auto).  Al cliente perciò conviene chiedere al professionista se sia assicurato.  In caso contrario il suo patrimonio potrebbe essere insufficiente.

Quanto danno può fare un professionista?

Naturalmente i rimborsi pagati ai clienti sono vari, ma facciamo un esempio semplice. Esempio molto comune: gli errori dei commercialisti sulle dichiarazioni dei redditi procurano danni mediamente intorno a 10 mila euro per le persone fisiche e oltre 30 mila per le società. Se parliamo di ingegneri od altre professioni il danno può essere molto più alto.

Assicurazione – Quanto costa?

Gli ordini professionali stanno stipulando convenzioni con tutte le compagnie. Oggi la polizza costa da un minimo di 250 euro annui a oltre 5 mila. L’importo dipende dal giro d’affari dello studio. Mediamente costa circa 600 euro annui per singolo professionista. [pullquote align=”right”]Costo medio 600 euro l’anno. Un business da 550 milioni di euro per le compagnie assicuratrici.[/pullquote] Un giro di affari totale potenziale di più di 550 milioni di premi, escluso il settore socio-sanitario.  Una vera festa per le assicurazioni. Professionisti Assicurato mezzo salvato? Ancora presto per poterlo dire. Certamente sono salvi i bilanci delle assicurazioni, che possono incassare una liquidità che fa molto comodo in questo momento di crisi. A Treviso i professionisti si assicurano? Si, tutti lo stanno facendo.

Architetti di Treviso assicurati

A Treviso l’Ordine degli Architetti P.P.C. ha attivato due  convenzioni relative alle polizze per la Responsabilità civile professionale, una con  con AEC S.p.a. Lion Broker e una con Dual Italia s.p.a. Lion Broker. Sono in fase di elaborazione specifice condizioni riservate ai Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, Architetti Iunior e Pianificatori Iunior.

Avvocati di Treviso assicurati

Anche gli avvocati di Treviso si stanno assicurando, grazie all’interessamento dell’Ordine degli avvocati. L’assicurazione è prestata nella forma “CLAIMS MADE”, ossia a coprire i reclami fatti per la prima volta contro l’Assicurato durante il periodo di assicurazione e da lui denunciati agli Assicuratori durante lo stesso periodo, in relazione ad avvenimenti posteriori alla data di retroattività convenuta.

L’assicurazione dei professionisti legali prevede che, terminato il periodo di assicurazione, cessano gli obblighi degli Assicuratori e nessuna denuncia potrà essere accolta. Alcuni esempi di polizze per professionisti di Treviso.

Avvocati Treviso – Polizza di Assicurazione.

Ingenieri Treviso – Polizza RC Professionale

Rimborso Polizze Vita

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*