Home / Musica / Il collettivo Hell On Mask con Decameroom esce con la prima canzone
Musica Hell On Mask Decameroom
HELL ON MASK - DECAMEROOM

Il collettivo Hell On Mask con Decameroom esce con la prima canzone

Hell on Mask e Decameroom

La fantasia è quella caratteristica che domina il mondo artistico. Ci vuole una sana dose di fantasia per ideare progetti nuovi, surreali e vincenti. Gli Hell On Mask ci pensano è creano Decameroom, una rivisitazione del Decamerone di Giovanni Boccaccio, quando le dieci stanze diventano il luogo in cui i protagonisti rimangono chiusi durante la quarantena.

Sembra banale copiare i nomi di altri, ma quando si prende il nome di Elon Musk, il visionario imprenditore proprietario di Tesla e SpaceX, diventando Hell On Mask, uno più uno fa due e qui si parla di geni.

Si parla dell’esordio discografico del collettivo premiato da Kickstarter, il primo capitolo dell’ambizioso racconto Decameroom tra rap, arte e letteratura, prodotto da INRI.

Il progetto nasce da idee nella realtà virtuale della quarantena, ma diventa reale.

Chi sono gli Hell On Mask

Gli Hell On Mask sono un gruppo di dieci amici sparsi dovunque, che bloccati in casa durante la quarantena, hanno creato a distanza un’opera, il Decameroom, che si sviluppa attraverso dieci brani rap, dieci racconti e altrettante immagini.

Naturalmente nel collettivo ci sono nomi noti e sconosciuti. Un nome noto appartenente all’arte del canto è Massimo Cantisani, Voice of Italy, poi c’è il singolare e poliedrico fumettista Arturo Lauria.

Il progetto è nato semplicemente come un mixtape, ma man mano che il lavoro prendeva forma, tutti hanno pensato di farlo diventare un opera completa in un viaggio tra città, epoche diverse e pianeti lontani.

Decameroom

L’album è composto di dieci brani e arricchito da dieci racconti, tutti raccontati prendendo spunto dalle tracce musicali e sono riuniti in un libro di narrativa.

Inoltre c’era lo spazio per inserire anche dieci illustrazioni, dove antichi dipinti sono rielaborati con elementi estranei.

Il primo brano s’intitola Un Trago e racconta di una storia ambientata a L’Avana, nel 1975, un capitolo che ha uno spirito leggero e spensierato, stato d’animo che ha caratterizzato tutta la produzione del disco.

Gli Hell On Mask pensano ogni canzone sia ambientata in una città differente, in un periodo storico diverso e con un proprio genere musicale ad hoc: Rap, Trap, Latino, Crossover, Pop, Space Ambient e molti altri.

Tracklist

  1. Un Trago – Havana, 1975
  2. Sunset Love – Malibù, 1982
  3. ¡Habanero! – Kingston, 1967
  4. Jurassic Park – Isla Nublar, 1993
  5. Mumble No.5 – Atlanta, 2010
  6. Copernico – Bologna, 1497
  7. President Evil – Raccoon City, 2035
  8. Berghain – Berlino, 1987
  9. Blvk – Neo Tokyo, 2084
  10. Contact – Vega, 2130

Susanna Coriandoli

Susanna Coriandoli
Insegnante di materie umanistiche e scrittrice.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*