Home / Viaggi / Istria Interna – Idee di viaggio
Viaggio in Istria Buzet
Viaggio in Istria Buzet

Istria Interna – Idee di viaggio

Istria Interna – Viaggio e weekend lungo

Un viaggio in Istria Interna con un occhio di riguardo alle tradizioni e all’enogastronomia, gustiamo le intersezioni tra il gusto slavo mitigato dalle rotondità del cibo italiano immersi in monumenti senza tempo.

A circa 200 km ad est di Treviso c’è un posto dove poter fare un tuffo nel passato, immergersi nella natura, cultura ed enogastronomia dai sapori dimenticati. E’ in Croazia e più precisamente nell’ Istria interna, dove la natura è ricca di boschi, fiumi, laghi e rocce, così tante da non stupirsi nemmeno un po’ se anche il minuscolo paesino dove far tappa si chiama Roč (Rozzo in italiano).

Istria Interna e le sue bellezze

Istria Interna - Roc

Istria Interna – Roc

L’Istria interna è una regione sospesa tra terra e mare, in un momento si può passare da un tipo di panorama all’altro. Ha ancora un carattere selvaggio dovuto certamente alla sua configurazione geografica ed alla sua storia. La zona è montuosa con altezze non rilevanti; i suoi boschi sono magici, popolati dal cervo e dal capriolo.
In questo scenario d’altri tempi si stagliano sulla sommità dei colli i villaggi antichi detti castellieri, fortificati e costruiti dagli Istri (tribù illiriche) e, nel tempo mantenuti dai diversi dominatori fra i quali i romani, i franchi, il Patriarca di Aquileia e i veneziani; se ne contano ben 136 ma solo alcuni sono a tutt’oggi abitati.
Si può fare un viaggio in tour tra le cittadine fortificate toccando questi massicci e pur fragili abitati senza farsi prendere dallo sconforto dei nomi impronunciabili e se vi piace andare alla ventura. Dovrete esser pronti ad abbandonare per un po’ l’auto e perdervi nei viottoli di pietra d’Istria levigati da mille passi. Avrete scale e scalette impossibili da salire e dovrete far ancor più attenzione a scendere ma vi incanterete nei colori, nei paesaggi nei sapori.

Ne vale la pena! E’ nei piccoli negozietti che troverete sorprese per tutti i gusti!

Istria Interna – Le Konoba

Se farete un viaggio  in autunno è nelle konoba (vuol dire “cantina”, e in una konoba dovrebbero sempre esserci vino nelle botti, sardelle sotto sale, formaggio pecorino, prosciutto dalmata – affumicato e poi seccato a bora) che vi lascerete tentare da cibi spolverati dal tartufo bianco. In teoria, nella konoba si va a consumare uno spuntino, ma spesso l’atmosfera particolare del posto prende il sopravvento.
Riprendiamo il viaggio e fermiamoci a degustare il vino, a pensare se non sarebbe il caso di provare l’olio d’oliva o “far merenda”con del prosciutto crudo istriano o del pecorino a media stagionatura.

[pullquote align=”right”]IL GLAGOLITICO È UNA SCRITTURA CREATA DAL MISSIONARIO CIRILLO, INSIEME AL CONFRATELLO METODIO INTORNO AL 862 – 863 D.C. PER TRADURRE LA BIBBIA ED ALTRI TESTI SACRI IN ANTICO SLAVO.[/pullquote]

Ritorniamo a Roč. E’ da qui che si snoda, per sei km verso Hum, il sentiero dei Glagoliti. E’ un luogo creato per mantenere la memoria delle origini della tradizione culturale croata. Vi si trovano undici fra i più significativi documenti glagolitici, che ricordano avvenimenti e personaggi, ad esempio gli apostoli slavi Cirillo e Metodio evangelizzatori dell’est, che hanno contribuito alla diffusione della scrittura inventata nell’XI secolo per tradurre le sacre scritture.

Hai fatto un viaggio e vuoi raccontare le tue impressioni e la tua esperienza?

Inviaci una email con le foto e la descrizione del tuo viaggio.

Silvana Foffano

Silvana Foffano
Dopo un periodo di studi e lavoro nel settore architettura mi sono dedicata all'insegnamento ricavandone motivazione e soddisfazione.Ho proseguito i miei studi nell'ambito della formazione specialistica per poter acquisire le metodologie utili all'apprendimento, in relazione al quale ho svolto attività di docenza per conto dell'Università "Cà Foscari" di Venezia.Attualmente sono Docente Discipline Geometriche, Architettoniche, Scenografia, Arredamento presso Scuole Medie Statali di I° e II° grado.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*