Home / Musica / Lo strumento rock della batteria. Lo sapevate che?
La batteria strumento musicale
Rock - Batteria

Lo strumento rock della batteria. Lo sapevate che?

Lo strumento rock della batteria

La batteria è uno strumento musicale composto da tamburi, piatti e altre percussioni. Riconosciamo principalmente quattro tipi diversi di piatti: hit-hat (o charleston), il crash, il ride e il china. Abbiamo poi cinque tipi di tamburi tra cui: grancassa, timpano (da non confondere con i timpani orchestrali), rullante, tom acuto e tom grave.

Ognuna di queste componenti ha una vasta gamma di modelli, soprattutto per quanto riguarda i piatti, che consentono di personalizzare il suono a seconda dei gusti e delle esigenze del batterista. La batteria nasce circa a metà del Diciannovesimo secolo per sostituire i cinque o sei musicisti solitamente occupati, nelle band dell’epoca, alle percussioni. Per primi arrivarono la grancassa e il rullante, a seguire i piatti per bilanciare i bassi col loro suono acuto. Allo sviluppo della batteria collaborarono anche le varie etnie straniere presenti in America.

Ad esempio le etnie cinesi introdussero i tom, mentre quelle turche collaborarono per il miglioramento dei piatti. La batteria apparve in Italia attorno agli anni Trenta e venne riconosciuta come strumento individuale, solo dopo essere stata inserita come strumento nei Conservatori.

Solo nel Dopoguerra e grazie alle band americane la batteria viene studiata nei corsi di jazz. Come si suona la batteria? Con le bacchette. Ne esistono di vari tipi: oltre alle “bacchette classiche” abbiamo anche le spazzole, caratterizzate dai fili metallici, detti setole, e dal sistema a scorrimento che le protegge quando non usate, le rod, composte da diverse aste attaccate l’una all’altra, e le mallet, usate soprattutto nelle orchestre.

Capita anche che la batteria sia suonata a mani nude. Le bacchette “classiche” hanno una lunghezza standard di circa quaranta centimetri e possono essere più lunghe o corte di massimo un centimetro a seconda della casa produttrice. Ogni modello s’identifica con un numero e una lettera.

Sono spesso in legno hickory o legno elastico proveniente dalle piante carya, tipiche del Canada, ma possono anche essere in plastica o in carbonio come possono anche essere bilanciate in punta, in coda o al centro. La punta delle bacchette è principalmente ovoidale ma può anche essere sferica, cilindrica e conica. Le punte possono a loro volta essere di materiali diversi: legno, plastica o metallo.

Marca Aperta

Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*