Home / Sport / Majorettes Loreggia: Andiamo a conoscerle
majorettes, loreggia, sport
Majorettes Loreggia sport e spettacolo

Majorettes Loreggia: Andiamo a conoscerle

Majorettes Loreggia: lo spettacolo incomincia

Le feste nelle città e nei paesi della nostra bella Italia si tingono di rosso e bianco quando insieme alla musica di fiati, percussioni e vibrazioni un gruppo di ragazze fresche, simpatiche e bellissime danzano offrendo uno spettacolo unico. A Loreggia, un ridente paese dell’alto padovano ci si ferma per ascoltare le voci di queste ragazze pronte a raccontarci la fatica e la passione quando preparano le loro coreografie. I sorrisi delle capitane Alessia e Giulia si aprono allo stupore quando, mentre assistiamo a un loro allenamento, siamo rapiti dalla serietà, dalla fatica e dall’attenzione dei movimenti e delle coreografie di tutte loro, proponiamo quindi l’invito a parlarci di loro della nostra rivista, invito che viene accettato subito con entusiasmo.
Non mancano di dirci anche che: “Finalmente qualcuno si è accorto che facciamo fatica e che alla base dei nostri movimenti coreografici ci sono tecniche che derivano dalla ginnastica artistica!

Majorettes Loreggia

Secondo il Regolamento della Federazione Italiana Gruppi Majorettes, la Majorette è una ragazza che pratica una disciplina di sport e spettacolo, quindi le majorette non sono figure sportive singole ma fanno parte di Gruppi regolari che devono avere un minimo di dodici elementi e sfilano sempre insieme alla banda musicale.
Come ci dicono Alessia e Giulia la tecnica viaggia di pari passo con le basi del Twirling.

Cos’è il Twirling?

Il Twirling nasce nelle isole Samoa nell’Oceano Pacifico, dove sembra che alcune danzatrici usassero esibirsi con bastoni colorati.
Ci colpisce l’affiatamento, l’obbedienza alla Capitana e lo spirito di gruppo e insieme con loro apprendiamo notizie e informazioni sconosciute, come il fatto che la storia delle Majorettes incomincia dagli Stati Uniti, durante gli anni venti, dove, davanti ai musicisti delle bande musicali, si esibiva un “mazziere” che manovrava un bastone lungo circa ottanta centimetri. Nel tempo le mazze sono modificate diventando più leggere e maneggevoli, da questa evoluzione tecnica dopo gli anni ’30 sono nate le Majorettes a scopo folkloristico. In Italia i primi gruppi sfilano con bandierine e con tamburelli, fino all’avvento del bastone, verso la seconda metà degli anni ’70.

Disciplina sportiva

Parallelamente alla diffusione delle Majorettes, si è sviluppata anche una vera e propria disciplina sportiva che ha abbandonato lo scopo dell’intrattenimento. L’attrezzo principalmente è il “bastone” che visivamente è un’asta metallica a sezione circolare di lunghezza variabile tra i cinquanta e i settantacinque centimetri, alle cui estremità vi sono due pomelli di gomma: una piccolo “tip” ed una grande “ball” o “star“. Le ragazze di Loreggia usano inoltre i “pompon” e le bandiere.
Alessia e Giulia, le due capitane delle Majorettes Loreggia ci raccontano inoltre che grazie a internet possono apprendere e imparare coreografie e innovazioni scenografiche di gruppi provenienti da tutto il mondo. La nostra chiacchierata si chiude con un compito per noi, che è quello di tramettere a chi ci leggerà che il loro corpo di ballo sta uscendo dagli schemi classici e, grazie a un repertorio che sarà sempre più ampio, potranno animare eventi sempre più eventi variegati. Per raggiungere tutti voi.

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*