Home / Viaggi / Moreni Romania
moreni, romania, petrolio
Moreni Romania: la città della fiamma eterna

Moreni Romania

Moreni in Romania, la città del Fuoco Eterno.

Moreni è una città della regione della Valacchia, in Romania, ed è anche il luogo dove sono nato. La città è ubicata ad una distanza relativamente breve da Targoviste, la città sulle sponde del fiume Cricovul Dulce che si trova in una depressione circondata da colline.

I dintorni di Moreni sono di forte attrazione turistica grazie alle bellezze naturali che circondano la città. La parte vecchia della città è la parte più suggestiva della città; tra questi luoghi anche durante i periodi bui del recente passato, non hanno mai minato la tranquillità e neppure la bellezza degli edifici.

Il fiume Cricovul Dulce divide la piccola località in due, arrabbiandosi ogni tanto quando le piogge sono abbondanti. Ma non di questo parleremo qui, ma della grandiosità dietro tutto questo.

Moreni è una città petrolifera. Qui sono state realizzate sonde già dalla fine del 19°secolo e sono ancora funzionali per l’estrazione del petrolio che, anche se non ancora essaurito, le riserve si sono ridotte in maniera consistente.

Moreni è l’ex città di Moarile come era chiamata all’epoca, centinaia di anni fa. Non c’è bisogno che io vada su Wikipedia per descrivere la mia città, la mia cara città di persone belle, oggi sempre più poche. La popolazione è diminuita perché il corso della vita, i cambiamenti storici, obbligano la maggior parte di essi a cercare una nuova vita da un’altra parte. Ma il cuore rimane a Moreni, così anche il mio.

Moreni è oggi comune, la seconda della Regione Dambovita dopo Targoviste. La sua caratteristica principale è la natura che la circonda e molti sono ancora i segreti da scoprire sottoterra; infatti sotto la città sono presenti chilometri interi di tunnel. I rifugi sotterranei dei tedeschi sono ancor oggi visibili e i bambini giocano spesso in quei luoghi, come ho fatto anche io nella mia infanzia.

Il tracciato di motocross

Esiste un luogo speciale, soprattutto d’estate, ovvero il tracciato di motocross Sangeris. All’epoca qui si tenevano gare nazionali ed internazionali dove i migliori sportivi del mondo gareggiavano annualmente. Il tracciato è rimasto anche oggi, e da quel che so, ogni anno almeno, a Pasqua, si tiene una tappa nazionale. Tutti vanno ad assistere allo spettacolo, unico per quella zona.

Nelle vicinanze ancora, si trova una zona molto bella, che le autorità cercano di trasformare in un parco. È la zona Nisipoasa, il luogo dove circa 30 anni fa un lago bellissimo ha esondato, inondando il fiume Cricovul Dulce di trote.

Molte sono le colline per le passeggiate rilassanti nella natura: qui le persone possono respirare aria fresca e rilassarsi tra i boschi. Tra tutte, come una regina, spica la Collina Cristanu che non guarda solo verso l’orizzonte, ma anche verso la “sorella” dalla parte opposta, chiamata collina Lumanarea.

La fiamma di Moreni Romania

Non potendo comprimere l’intera storia di Moreni in un articolo ci concentreremo su un singolo, ma importante episodio della storia della città: qui, nel 1929 è scoppiato il più grande incendio della storia industriale del mondo. La Fiamma di Moreni, scoppiò quando la sonda 160, situata nella zona Tuicani, eruttò e lanciò la piattaforma petrolifera 300 metri verso il cielo. Una fiamma alta, ad un certo punto di quasi un chilometro si innalzò, durando oltre due anni. Di tutto questo, ma anche della storia del petrolio, la gente è già molto informata.

moreni, romania, incendio, petrolio

L’incendio di Moreni Romania.

L’attuale sindaco della città, Constantin Dinu, sta cercando di far si che venga creato finalmente un nuovo Museo del Petrolio proprio sulla sponda del fiume Cricov, dove le inestimabili tracce della storia di questa città saranno a disposizione del pubblico. Di quel fuoco è rimasta anche la denominazione di Fiamma di Moreni diventando il marchio di questa città; anche la squadra locale di calcio ed un ristorante portano questo nome. Esiste anche la strada dell’Eruzione, il posto dove è arrivato anche il celebre americano Miron Kinley, l’ingegnere specializzato nello spegnimento degli incendi, e anche Costica Lupa, l’eroe locale che fu in quella squadra memorabile del 1932.

Il professore Ion Stoica e l’ingegnere Vasile Dragomir hanno fatto una tesi chiamata “Moreni, un secolo di petrolio” . L’ingegnere Marius Furcuta, rivela anche in inglese spesso, i segreti di questo momento stupefacente ma anche fotografie molto vecchie, con un valore storico immenso.

Moreni in Romania vi aspetta.

Adrian Melicovici

Adrian Melicovici
Giornalista e scrittore.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*