Home / Viaggi / Targoviste. La città di Dracula.

Targoviste. La città di Dracula.

Viaggio a Targoviste città famosa per Dracula e Ceauşescu.

Un viaggio nella leggenda, nella storia, nella cultura e nella spiritualità. Viene chiamata anche la Fortezza Chindia. E’ una vecchia capitale valacca dei romeni, situata sul fiume Ialomita, chiamato in tempi antichi Naparis. In maniera misteriosa, qui il sole brilla quasi in un altro modo quando dopo una notte serena passeggi tra le rovine e le numerose chiese. Come un trofeo dei tempi, si erge insieme ai suoi segreti, la Torre Di Chindia, costruita ai tempi dell’ imperatore Vlad Tepes, conosciuto in tutto il mondo con il nome di Dracula.

Targoviste - Municipio

Targoviste – Municipio

TARGOVISTE – CITTÀ DI MISTERI.

Targoviste è uno dei luoghi che più nasconde innumerevoli misteri, tutt’oggi ancora da scoprire a pieno. La città valacca è stata attestata nei documenti per la prima volta nel 1396 dal crociato bavarese Johann Schiltberger, che ha visitato la città in vista dei preparativi per la battaglia di Nicopole. È stata capitale del paese per secoli, e in circa 3 anni ha avuto oltre 33 imperatori. Mircea cel Batran consolida Curtea Domneasca, che può essere oggi visitata nel complesso di musei con lo stesso nome. A poca distanza di tempo, gli segue Vlad Tepes (1456) che nel 1462 produce la sorpresa del mondo di allora, sconfiggendo il conquistatore di Costantinopoli, Mehmed secondo, in un attacco favoloso. I turchi sono attaccati di notte e l’Europa sospira come se si fosse tolta un peso. Almeno per il momento. Targoviste ha molte chiese-monumento, valori di un patrimonio spirituale straordinario. I reali di quel tempo costruiscono gli edifici che oggi possono essere visitati, a partire dalla chiesa Manastirea Dealu ricostruita da Radu il Grande nel 1499, con una pittura impressionante realizzata nel 1914 dal muratore Doromir durante il regno di Neagoe Basarab. Nel 1585 Petru Cercel edifica la chiesa Biserica Domneasca. Nel 1508 si stampa il primo libro di Macarie chiamato “Liturghierul”, seguita poi da altri 2. I nomi dei regnanti, delle persone di cultura e degli uomini di chiesa che hanno creato una storia ineguagliabile a Targoviste, La Fortezza della Chindia, non possono essere compresi in poche parole. La verità e le prove le possiamo vedere sul luogo, visitando una città secolare, dopo le ultime scoperte archeologiche di una cultura millenaria. Gli inizi di questo luogo si trovano nel Neolitico. Oggi, un tunnel misterioso sotterraneo è ancora da scoprire, un tesoro delle profondità, di Brancoveanu, e molti altri.

TORRE_CHINDIA

Targoviste – Torre Chindia

Posti da Visitare

Possiamo visitare anche il nuovo museo degli Ceausescu, costruito durante l’attuale amministrazione, perche Targoviste è anche il posto dove è avvenuta l’esecuzione del dittatore Ceausescu il 25 dicembre 1989, ma anche i musei dove riscopriamo Vasile Blendea, Nicolae Tonitza, Nicolae Grigorescu. Chi sale sulla Torre di Chindia, almeno una volta, trova la sua dolce metà, scherzano oggi alcuni. Gli anziani raccontano che, chi guarda nella notte chiamata “La notte delle Fate” le acque del Ialomita, vede fiamme che escono dalle onde. Chi visita Targoviste e cerca di capire l’intera storia e sente i segreti dei posti, ritornerà sempre nella città più sicura della Romania, l’unica città dove i terremoti non hanno il potere di distruggere nulla. Gli unici che possono distruggere la bellezza e la magia dei luoghi sono le persone. Per fortuna sempre loro possono aiutare la città a splendere, come l’hanno fatto gli immaginari “Atlanti” che sono scesi dal Monte Omu, situato a nord della Fortezza di Chindia. E non dimentichiamo che sempre qui, edifici imponenti sono stati edificati da architetti italiani, e adesso Casa d’Italia, che si trova in rovina, aspetta di essere salvata per il patrimonio della città di Targoviste, al quale ancora pochi pensano.

Hai fatto un viaggio e vuoi raccontare le tue impressioni e la tua esperienza?

Inviaci una email con le foto e la descrizione del tuo viaggio.

Adrian Melicovici

Adrian Melicovici
Giornalista e scrittore.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*