Home / Cucina / Km 0 / Carne di Marca
Carne di marca
Carne di marca logo

Carne di Marca

Carne di Marca, marchio di qualità.

Carne di Marca”, la carne del nostro territorio, un marchio ed un importante progetto che ha l’obiettivo di comunicare nel migliore dei modi le proprietà eccellenti della carne del territorio della Marca. Per affermare con forza questo marchio locale sono scesi in campo alcuni grandi protagonisti della filiera alimentare e della qualità veneta: La Cooperativa Produttori Castellana con sede a Castelfranco Veneto (TV), la Cooperativa Agricola Volpago S.c.a. con sede a Volpago del Montello (TV) insieme con la Camera di Commercio di Treviso e gli Istituti Alberghieri di Castelfranco Veneto, Treviso e Vittorio Veneto.

Carne di casa Tua” è arrivata all’edizione numero 6 che quest’anno è declinata con un titolo “a doppio taglio”, che vuol mostrare due aspetti della stessa medaglia: ”Carne di Marca”.

Nel progetto “Carne di Marca”, la faccia principale della medaglia, è costituita dalla filiera corta, prodotta da animali allevati nel territorio della Marca dagli esperti allevatori e preparata in laboratori locali; il tema del locale, del tipico, del vicino e controllato e conosciuto racconta di una profonda e radicata fedeltà al territorio in cui si opera (come produttori) e in cui si vive (come consumatori).

Obbiettivi del progetto

“Carne di Marca” si pone come obiettivo di:Carne di marca
• valorizzare le produzioni locali di carni a filiera corta
• comunicare i valori che le produzioni locali esprimono (territorialità, ecologia logistica, qualità, salubrità, bontà, economia locale, tradizione, turismo enogastronomico)
• fare educazione alimentare/nutrizionale per i ragazzi in età scolare primaria e secondaria
• stimolare un consumo consapevole e preferenziale di prodotto locale
• sviluppare una cultura del territorio, attraverso la conoscenza della
tradizione contadina e dei prodotti agroalimentari che tradizionalmente offre
• promuovere un concorso, tra le scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado, che con duplice sguardo porti attenzione al tema del consumo della carne locale:
• le ricette di una volta, “della nonna”, che tramandano tradizione estoria: una ricerca per la migliore ricetta tradizionale raccontata e mostrata con tecnica pittorica, fotografica o grafica rivolto alle scuole elementari e medie inferiori
• la “Carne di Marca” interpretata in ricette innovative da comporre visivamente in un piatto da portata: la ricetta di Marca 2014
rivolto ai tre Istituti Alberghieri della Provincia di Treviso: Castelfranco Veneto, Treviso e Vittorio Veneto.

Carne della Marca

Il marchio “Carne di Marca” apposto sulla carne ha un secondo importante significato, la qualità, che significa bontà: dal punto di vista della salubrità, del gusto, della nutrizione. Ma la qualità non è frutto del caso: per averla e gustarla nel piatto occorre che ogni attore della filiera, l’allevatore, il trasformatore, il macellaio e il consumatore sia coerente con i valori che generano la bontà, salubrità e corretta nutrizione. E andando oltre, significa un certo modo di allevare rispettando animali e ambiente valorizzando tradizione e professionalità producendo valore alimentare per la nutrizione e valore economico per il territorio della Marca e le aziende.

Carne – Consumo diminuito

Il consumo di carne è diminuito e la carne compare sempre meno nella lista della spesa. Coldiretti, in un sondaggio on-line del 2013 e nella conseguente analisi dei dati realizzata in collaborazione con SWG (società con sede a Trieste che esegue ricerche di mercato in settori diversi: dall’agroalimentare ai servizi, dai distretti economici alle filiere, dal mondo dei media a quello della finanza, dalle associazioni alle istituzioni) evidenzia in modo netto, per certi versi drammatico, come una delle conseguenze dell’attuale crisi economica sia il cambiamento delle abitudini alimentari degli italiani: il consumo di carne è diminuito del 7% e il 56% degli italiani va alla caccia del prezzo più vantaggioso, facendo slalom tra le corsie e gli scaffali del punto vendita in cerca del 3X2, cambiando negozio, supermercato o discount, questo a discapito di territorio-tradizione-qualità, nel momento della scelta, della spesa.

Carne di Marca – Carne di qualità

Il marchio che identifica la carne di qualità. Toffoletto Roberto,  Sindaco di Volpago del Montello, afferma questa equazione. Non è importante il prezzo, ma un marchio identificativo locale importante perché il consumatore ha la percezione di sapere cosa compra, anche se si trova di corsa in un supermercato, e non si debba accorgere solo a casa dopo averla cucinata la qualità scadente della carne non di marca.

Bestiame alimentato a cereali

“Carne di Marca” identifica anche una alimentazione ottimale del bestiame. Nazzareno Gerolimetto – Presidente Cooperativa Agricola Castellana afferma che il punto di forza dell’Italia è la qualità dell’alimentazione del bestiame, perché di prassi si alimentano con il 99% di cereali. Invece in Europa (Belgio) solo gli ultimi 90 giorni prima della macellazione si alimenta il bestiame con il 60% di cereali. Per questo la qualità della carne è migliore. Lo conferma anche Anteo Visentin – Presidente Cooperativa Volpago S.c.a. Insieme al presidente Gerolimetto conferma che l’Italia ha degli standard altissimi di qualità nell’alimentazione del bestiame e nella distribuzione della carne ai vari punti vendita sia della cooperativa che terzi. Con il marchio “Carne di Marca” la spesa diventa più facile e di qualità.

Il progetto ha il patrocinio di:
– Regione del Veneto
– Provincia di Treviso
– Comune di Castelfranco Veneto
– Comune di Montebelluna
– Comune di Volpago del Montello
– Istituto Zooprofilattico delle Venezie – settore nutrizione, di
Legnaro (Pd)
– Associazione PPL – Piccole Produzioni Locali di Treviso
– Associazioni di categoria
– GAS, gruppi di acquisto solidale.

www.lacarnedicasatua.it

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*