Home / Recensioni / Giovanni Marchesan Stiata con “Canti De Sol e De Sal”
Canti De Sol e De Sal
Canti De Sol e De Sal

Giovanni Marchesan Stiata con “Canti De Sol e De Sal”

Canti De Sol e De Sal

In tutte le forme di cultura, le persone ricercano variazione del bello. Le intuizioni giovanili sono importanti per essere raccolte, conservarle e consegnarle agli altri.

Nella propria vita ci sono momenti improvvisi e unici che trascinano l’istinto a mete impensabili. Incontriamo il drammaturgo Giovanni Marchesan della famiglia dei “Stiata” di Grado, che ci racconta la vita sui mari e la maestria delle sue opere.

Si dedica molto al teatro, ma la sua innata voglia di scrivere, produce forme di cultura originali.

Nel curare la pubblicazione di Canti De Sol e De Sal di Giovanni Marchesan della famiglia dei Stiata, l’Associazione culturale La Bavisela ha inteso rendere omaggio a un autore che alla profondità del sentire e ad una straordinaria versatilità creativa, unisce la dote positiva della modestia e un saldissimo viscerale amore per la propria terra gradese.

Recensione

In questa pubblicazione si trova solamente parte della produzione poetica di Giovanni Marchesan, la volontà di iniziare a rendere conosciute, poesie che semmai rimangono in cassetti chiusi.

Le parole scritte in questo libro, arricchiscono il panorama bibliografico di una perla che senza dubbio rimane nella storia.

Le sue poesie, come il teatro, sono tra le creazioni letterarie autentiche di Grado, collocandosi ai massimi livelli spirituali e ideali.

I pensieri provengono inesorabilmente dall’essere creature umane percependo l’esile striscia di sabbia sul mare in cui viviamo, al centro della natura che cresce libera fino all’orizzonte ed è solcata nell’aria da voli armoniosi che attraggono i nostri occhi.

In questa visione c’è anche una lunga vicenda di gioie interiori e tribolazioni materiali del nostro popolo, giacché altro non hanno visto le generazioni passate se non questo stesso mare e questi stessi voli con i nostri stessi occhi.

Poesie

Solitàe (Giovanni Marchesan)
Solitàe
gno amiga,
solitàe
gno nemiga.
Solitudine, mia amica, solitudine mia nemica.

Da ‘Quileia semo partii (Giovanni Marchesan)
Da ‘Quileia semo partii
a Venessia semo rivai.
Dopo… destuai.
Da Aquileia siamo partiti a Venezia siamo arrivati. Dopo… spenti.

Indola che finisse (Giovanni Marchesan)
Indola che finisse
‘l sielo
là finisse
i sogni mie.
Dove finisce il cielo là finiscono i sogni miei.

Mario Fontana

Mario Fontana
Imprenditore e libero professionista con esperienze maturate in ambito amministrativo e finanziario presso aziende di media-grande dimensione in Italia ed estero. Editore di Marca Aperta. Docente di matematica e contabilità, manager di imprese manifatturiere e servizi, esperto in amministrazione e commerciale.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*