Home / Editoria / Cultura e lavoro
cultura e lavoro
Cultura e Lavoro: binomio possibile

Cultura e lavoro

IL FUTURO: CULTURA E LAVORO

Siamo giunti in un tempo sempre più dominato dalla tecnologia dei computer. Consideriamoci fortunati nel vivere una realtà molto semplificata da tali strumenti, dove comunicare oggi, è diventato veloce e senza barriere. La nostra mente e le nostre abitudini sono proiettate a luoghi e tradizioni lontane nelle quali lo spirito comunitario non è uguale al nostro interesse e attenzione al futuro e ritiene imprescindibile la fedeltà ai valori della propria tradizione.

I valori di umanità di rapporti personali e di continua crescita culturale, valori fondamento di quello spirito di condivisione al quale s’ispirano la crescita e l’evoluzione delle nostre comunità si trova esclusivamente nel luogo dove si cresce insieme.

Cultura e lavoro: la fiducia nel territorio

Ed è proprio questo spirito di cooperazione di comune crescita culturale che s’inserisce naturalmente il pensiero collettivo sulla natura e studio della pittura, della scultura e dell’arte in tutti i suoi generi. Ma anche l’arte di ogni professione. Il punto di riferimento della ricerca sincera dell’evoluzione verso un moderno pensiero ricerca le sue forme senza mai abbandonare la realtà.

La fiducia nell’arte fondata su una tradizione che vuol parlare con voce attuale, la sua caparbia volontà di andare dentro l’anima delle cose, la sua spoglia e severa essenzialità del suo colore volendo cogliere una poesia nel riconoscerci.

In questa luce continuiamo a proporre artisti e artigiani dell’arte del territorio perché assume un significato più profondo della semplice conoscenza; la conoscenza arriva anche a tutto l’humus imprenditoriale e artigiano di una zona territoriale fertile di idee, lavoro e innovazioni.

Modelli aperti alla cultura

La costante formazione di modelli aperti alla cultura può diventare motivo etico di rinnovati legami di reciproca fiducia e di una speranza tesa sempre a più vasti orizzonti, insieme.

Ci sono lavori che comprendiamo in pochi anni e una parte più cospicua che può darsi non comprendiamo mai: l’itinerario è così intenso e stimolante, cosa che dovrebbero fare tutti. Mai perdere la voglia di conoscere oppure difficilmente si riesce a proiettare il lavoro su un percorso più lungo.

Siamo convinti che scorrendo le nostre pagine e poi insieme le iniziative culturali che seguiamo saranno in molti a sentirsi più ricchi più forti e più fiduciosi nei confronti del futuro.

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*