Home / Cultura / Gemellaggio Encantado Montebelluna: Adroaldo Conzatti visita Liceo Levi
gemellaggio, Montebelluna, Encantado Brasile
AdroaldoConzatti -Sindaco di Encantado

Gemellaggio Encantado Montebelluna: Adroaldo Conzatti visita Liceo Levi

Gli studenti coinvolti nel progetto

Il Liceo Levi di Montebelluna ospita il sindaco della città di Encantado nel Rio Grande do Sul, Adroaldo Conzatti, per avviare il progetto di gemellaggio delle due città. Il sindaco di Encantado ha parlato in “talian” ovvero la lingua parlata dai discendenti dei migranti veneti, una pagina storica trascurata, quando partirono in massa per disboscare la foresta brasiliana e coltivare le estensioni agricole dell’America meridionale. Continua il percorso di scambio culturale del Liceo Levi di Montebelluna con le aree coinvolte nel susseguirsi degli eventi storici che riguardano il Veneto nel mondo: Olanda, Belgio, Croazia, Ungheria e Stati Uniti.

Insieme alle varie personalità istituzionali è presente il Cav. Luciano Murer, presidente dell’Associazione “Trevisani nel Mondo” di Valdobbiadene e il dirigente scolastico Ezio Toffano che afferma: “Sarà un’occasione per riscoprire una pagina di storia trascurata, quella dei nostri avi che lasciarono casa ed affetti in cerca di nuove opportunità di far convivere in una dimensione al contempo locale e internazionale ragazzi di continenti lontani ma non così diversi”.

I ragazzi hanno partecipato con molto interesse e attenzione all’incontro, rimanendo un po’ sorpresi dal “talian” la koinè linguistica di Adroaldo Conzatti, che veniva usata dagli avi intorno alla fine Ottocento. Lo scambio culturale avviene con l’arrivo di un gruppo di studenti di Encantado nel prossimo anno. Una bella occasione culturale per la città di Montebelluna.

Encantado

Siamo nello Stato del Brasile chiamato Rio Grande do Sul e Encantado è il nome della città meta di tanti migranti europei per lavorare nella foresta e disboscarla. La capitale è Porto Alegre e si trova confinante a nord con lo Stato brasiliano di Santa Catarina, a est con l’Oceano Atlantico, a sud con l’Uruguay e a ovest con l’Argentina. L’occorrenza di manodopera di fine Ottocento ha portato nella zona diverse etnie europee che discendevano da portoghesi, italiani e tedeschi.

Marca Aperta

Marca Aperta
Periodico di informazioni, attualità e cultura del Veneto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*