Home / Interviste / Marco Chiurato: professione artigiano
marco, chiurato, artigiano
Marco Chiurato: potenzialmente colpevole

Marco Chiurato: professione artigiano

Marco Chiurato è di Marostica e di professione fa il pasticciere. Utilizza la sua professionalità in questo campo e anche gli strumenti che la professione gli dà, per creare opere d’arte, ma attenzione!: non si tratta di Cake design o di una semplice bravura nella decorazione di un prodotto.

Marco Chiurato, secondo Marca Aperta, è un artista che non solo stupisce, ed è quindi vero, ma che potrebbe stare al passo anche con alcuni degli esponenti più chiacchierati dell’arte contemporanea, in specie quella riferita alle installazioni. Vedremo se Marca Aperta avrà ragione e se quindi nei prossimi anni lo osanneremo nelle varie biennali e Tate Modern del mondo.

Qual è stata la scintilla che ti ha fatto scultore da pasticciere?
La stessa scintilla che mi ha fatto accettare questa intervista al buio non sapendo dove andrà a finire.
Cosa ti dà lo zucchero quando crei le tue opere?
Emozioni forti, tipo…….ricordo un periodo strano della mia vita, stavo con Claudia ed era un periodo nero, non stavo bene, ero infelice, mi mancava qualcosa finchè è scattata la scintilla della prima domanda.
Ho iniziato a frequentare locali gay, subito con imbarazzo, poi mi sono lanciato senza vergogna e dicevo: SONO GAY!
Dopo un anno circa la scintilla si è spenta, ora dico: ERO GAY e sto con Claudia

marco chiurato, terenove, arte

Marco Chiurato: terenove

Da dove prendi ispirazione?
Da un dio immaginario che mi sono creato con la cartapesta in un altarino sempre di cartapesta.
Quasi tutti i giorni alle 13,10 con un rito scaramantico mi metto di lato all’omino di cartapesta e gli sussurro nell’orecchio, IDEA! IDEA! IDEA! per 10 volte, vi sembrerà una stupidaggine ma l’idea arriva!
Cosa vuoi fare da grande?
Il mio sogno da grande è quello di diventare piccolo.
Mi sembri una persona buona, lo sei anche quando crei?
Io creo vivendo, quindi la bontà è parte del mio essere Marco Chiurato.
Qual è il tuo rapporto con la donna?
Sessuale e platonico allo stesso tempo. Perché una donna va rispettata come un fiore che aspetta la luce dell’amore.
Com’è cambiato il tuo rapporto con lo zucchero?
1 a 3.
E con il sale?
A me interessa solo il sale nella zucca.
C’è qualcosa che ti fa incazzare?
Si, tutto!
Pensa che un anno fa ho spedito un invito con scritto: se vuoi battere Marco Chiurato sei invitato il giorno x all’ora y a casa sua per sfogarti.
Uno alla volta mi schiaffeggiavano e rispondevo: ed io ti amo!.
Mi sono messo alla prova e ce l’ho fatta.
Ti senti i tuoi 40 anni?
Mi hai fatto una domanda che ti manderei a…18 di età e 80 di fisico.
Posso farti una domanda anch’io? Anzi, te la faccio e basta, perché hai intervistato proprio me quando esistono

marco chiurato, stato alla forca, arte

Marco Chiurato: stato alla forca.

artisti come Jeff Koons, Arianna Sperotto e Damien Hirst?
Diciamo che sei stato fortunato. Ti ho visto comporre una tua opera in una serata “Medievale” e mi son detto: perché non proporgli la copertina e una intervista? Il ragazzo sembra bravo, anzi molto bravo e arricchito della sua forte umanità e umiltà ha fatto sì che il personaggio Chiurato sia da valorizzare al massimo perché questi valori si stanno ormai perdendo.
Ora scappo che c’è Biutiful!

 

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*