Home / Attualità / “Open Studi Aperti”. Gli architetti aprono gli studi a eventi e mostre
Open Studi Aperti architettura
Open Studi Aperti

“Open Studi Aperti”. Gli architetti aprono gli studi a eventi e mostre

Scuola e Architettura

Una bella iniziativa del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) e degli Ordini territoriali che con “Open Studi Aperti”, nelle giornate del 30 e 31 ottobre 2020, organizzano eventi di architettura in tutto il nostro Paese.

Lo scopo è di diffondere – attraverso l’apertura, anche in modalità virtuale, degli studi professionali ai cittadini e alle istituzioni – la cultura architettonica, testimoniare e rinnovare la sensibilità nei confronti dell’ambiente, del paesaggio, dei territori e degli spazi per sottolineare che l’architettura è un bene e un valore di tutti e per tutti.

Grande novità di quest’anno, la possibilità di visitare la prestigiosa sede del Consiglio Nazionale a Roma, in Via di Santa Maria dell’Anima 10, dove saranno allestite una serie di mostre.

“Open Studi Aperti” inoltre, inaugurerà la Festa dell’Architetto 2020, un’intera settimana di eventi dedicati all’architettura che si concluderà il successivo 6 novembre con l’assegnazione dei tradizionali Premi “Architetto italiano”, “Giovane Talento dell’Architettura italiana” – dedicati in questa edizione al tema Scuola – e del Premio Speciale “(Ri)progettare la scuola con le nuove generazioni post Covid-19”.

Per il Consiglio Nazionale: “Una apertura quella di quest’anno che, nella eccezionale situazione che il Paese sta vivendo, assume un particolare duplice significato: rappresentare, da un lato, nel rispetto delle misure di sicurezza previste dai protocolli sanitari, un rinnovato e diffuso ritorno alla socialità; offrire, dall’altro, la possibilità – in particolare ai cittadini – di toccare con mano come gli architetti, i pianificatori, i paesaggisti e i conservatori siano in grado, nella loro quotidianità, di proporre risposte nuove, in modo innovativo, i diversi spazi dell’abitare, del lavoro, dello studio e della socialità alle nuove esigenze di salute, benessere e sicurezza”.

La scuola

La scuola rappresenta il filo conduttore della Festa: c’è infatti bisogno di architettura e di architetti per non perdere l’occasione di dare al Paese strutture scolastiche innovative e a misura di bambini e di ragazzi.

Edizione 2019

L’iniziativa ha mosso oltre centomila cittadini e si è articolata in più di mille eventi di architettura, anche collegati ad essa, tenuti in contemporanea in più di novanta province.

Informazioni e prenotazioni

Web: Open Studi Aperti

Marca Aperta

Marca Aperta
Rivista di informazione e cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*