Home / Musica / Come si spiega la musica di Elio e Beethoven tra Vienna e Asolo
Elio e Beethoven Asolo

Come si spiega la musica di Elio e Beethoven tra Vienna e Asolo

La musica viaggia nel tempo

L’occasione è la manifestazione musicale “Incontri Asolani” dove l’originale musicista contemporaneo Elio, incontra il più grande compositore di tutti i tempi Beethoven.

Le città di Asolo e Vienna si uniscono idealmente e culturalmente proponendo una serata magica e originale: segnatevi il 9 settembre 2020 alle ore 20.45 presso la Chiesa di San Gottardo.

La serata rientra nel programma della manifestazione “Incontri Asolani” un omaggio alla musica da camera.

Progetto musicale

La serata presenta il viaggio nel tempo dal contemporaneo, al primo Ottocento, assieme alle voci dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, del violoncello di Ettore Pagano e del fortepiano di Alessandro Benigni.

La sorpresa è la partecipazione al progetto culturale musicale del cantante e attore eclettico, Elio, che con le sue infinite risorse artistiche compare in questo spettacolo proposto per la prima volta in assoluto nell’ambito del XLII Festival Incontri Asolani.

La trama

La trama è il misterioso incantesimo che vede Elio catapultato a Vienna nel maggio 1824, nel Teatro di Porta Carinzia dove tutti sono italiani, anche l’impresario, quel Domenico Barbaja che ha portato nella capitale austriaca Gioachino Rossini con i cantanti italiani più famosi d’Europa e del mondo.

Nel teatro in questione si sta tentando un’impresa epica: eseguire l’ultimo lavoro di Ludwig van Beethoven con le orchestre e i cori riuniti del Teatro e degli Amici della Musica.

La storia percorre l’incontro con tanti personaggi come il vecchio Salieri, lo sconosciuto allievo Franz Schubert con le giovani primedonne Henriette Sontag e Caroline Unger.

Nasce una chiacchierata tra di loro, scoprendo risvolti e notizie inedite, pettegolezzi del mondo musicale, mentre arriva Beethoven, già completamente sordo, che per l’inizio della prova generale della Nona Sinfonia, si ritrova a cantare pure lui.

Credits

Elio – voce narrante
Solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo:
Zuzanna Kleman´ska – soprano
Nutsa Zakaidze – mezzosoprano
Daniele Adriani – tenore
Matteo Torcaso – baritono
Ettore Pagano – violoncello Premio Salieri 2019
Alessandro Benigni – fortepiano

Gianni Fellissent

Antropologo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*