Home / Arte / Giambattista Tiepolo: Spirito e Fuoco
tiepolo
Domenico Tiepolo

Giambattista Tiepolo: Spirito e Fuoco

Giambattista Tiepolo: Il più grande pittore Veneziano

Parlare e descrivere delle opere di Giambattista e Domenico Tiepolo in un articolo di blog è praticamente impossibile, e non è neppure mia intenzione. Quello che cercherò di fare piuttosto, è prendere due delle loro più importanti opere, descriverle brevemente,  e poi invitarvi ad andare a guardarle.

Nato in una famiglia benestante e nobile di Venezia, Giambattista Tiepolo è stata riconosciuta dai contemporanei in tutta Europa come il più grande pittore di affreschi decorativi su larga scala nel 1700. E ‘stato ammirato per aver portato affresco a nuove vette di virtuosismo tecnico, l’illuminazione, e l’effetto drammatico. Tiepolo possedeva una fantasia caratterizzata, a detta di alcuni suoi contemporanei come “Tutto spirito e fuoco“.

Il settecento veneziano

Il Settecento Veneziano è stato infatti dominato dalla famiglia Tiepolo, una famiglia di grandi di artisti. Innanzitutto va capito il periodo storico: Venezia aveva perso influenza come centro artistico fin dal XVI secolo, l’epoca di Tiziano e Veronese. Entusiasmanti nuovi artisti come Caravaggio e i fratelli Carracci stavano lavorando soprattutto nel centro Italia, Roma in particolare. Adottando la tradizione del grande soffitto dipinto allegorico per l’élite aristocratica, la squadra padre-figlio di Giambattista e Domenico Tiepolo portò Venezia ancora una volta al centro della vita artistica. La famiglia Tiepolo fu infatti tra i più importanti contributori a definire molte delle qualità che pensiamo come rococò.

Ma perché Domenico Tiepolo è così famoso?

Ve lo spiego subito. Ciò che più gente nota immediatamente sui dipinti del Tiepolo sono i colori. Pastelli a schemi gratuiti conferiscono una qualità morbida, spesso romantica, a scene che altrimenti sarebbero attive. L’uso di pose drammatiche e narrativa contemporanea sono rinforzate dalla tensione inerente le combinazioni di colori, mantenendo le immagini vivaci e coinvolgenti. Questa combinazione di precisione, solo apparentemente facile, e la vivacità del tratto, indicato come sprezzatura, fu la famiglia Tiepolo a definirlo come tratto artistico.

I Tiepolo e la residenza di Wurzburg

Tra il 1750 e il 1753 Domenico e suo padre hanno vissuto e lavorato a Würzburg, in Germania. Giambattista Tiepolo era stato commissionato per decorare alcune zone del Residenz, o residenza reale, e ha portato Domenico insieme per assisterlo con questo lavoro. Gli affreschi che hanno prodotto sono generalmente considerati i più grandi capolavori della bottega di famiglia Tiepolo. I due artisti hanno lavorato così bene insieme che è di fatto impossibile distinguere esattamente quali passaggi sono di Domenico e quali di Giambattista Tiepolo.

Un soffitto tridimensionale

Il soffitto sopra lo scalone della Residenz contiene una rappresentazione allegorica di Apollo a presiedere i pianeti ed i continenti. Ad ogni bordo del soffitto curvo, proprio sopra ogni parete, sono rappresentazioni simboliche di Europa, Asia, Africa e America. Pensate che Giambattista e Domenico progettarono ogni sezione per essere visto da specifici “punti di sosta”, indicati dal committente. Qui i visitatori che salgono sulla scala possono ammirare il lavoro, e apprezzare come la prospettiva dell’affresco sembra adattarsi alla loro posizione nella stanza. Questo uso fantasioso di prospettiva aiuta l’immagine allegorica ad animarsi per gli spettatori, ma è anche il motivo per cui questo dipinto tridimensionale può risultare strano a vedersi nelle foto bidimensionali. (ed è il motivo per cui non ho inserito la foto nell’articolo, non siate pigri, andate a visitarlo).

Le incisioni

Tra le tante cose fatte La famiglia Tiepolo ha anche esplorato nuovi soggetti multimediali e artistici, in particolare Domenico. Nel 1753 ha pubblicato una serie di ventiquattro incisioni dal titolo Idee pittoresche durante la fuga in Egitto, che sono stati eseguiti durante le pause dal lavoro alla Residenz. Questi fogli sono stati prodotti in modo cinematografico, proprio come storyboard moderni. La storia si svolge pagina per pagina, e lo spettatore è portato dentro le scene attraverso il modo in cui le immagini sono composte. Nella quarta immagine ad esempio, vediamo le schiene degli astanti sul lato destro della composizione la Sacra Famiglia parte per il loro viaggio. L’inquadratura architettonica dell’immagine incoraggia lo spettatore a immaginare di essere uno degli abitanti di Gerusalemme, testimoniando la partenza di Maria, Giuseppe, e il loro figlio appena nato. Le diagonali forti che compongono la maggior parte dell’immagine aumentano il senso del movimento, e aiutano a mettere lo spettatore in relazione alla protagonisti dell’immagine.

Fine del Tiepolo e di Venezia

Nonostante i tentativi di Domenico Tiepolo di portare la pratica artistica della sua famiglia nell’era dei lumi, lo stile Tiepolo è stato visto come passato prima del 1800. Dopo l’arrivo delle truppe austriache e l’annessione di  Venezia sotto la direzione da Napoleone nel 1796, Domenico si ritirò nella sua villa di campagna, e la tradizione della pittura veneziana, come la Repubblica stessa, si concluse.

Gianni Fellissent

Antropologo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*