Home / Attualità / I capitelli di Merlengo
capitelli, merlengo, treviso
I capitelli di Merlengo (TV)

I capitelli di Merlengo

I capitelli di Merlengo

Qualche tempo fa sono andato a trovare l’amico scrittore, Don Alessandro Dal Ben, originario di Cornuda (TV) e parroco di Merlengo (TV). Nel suo libro, che avevo acquistato da poco, può essere considerato una “testimonianza di devozione popolare” a Ponzano Veneto (TV). Don Alessandro mi ha detto che nel comune di Merlengo sono stati costruiti più di cento capitelli arrichiti con affreschi, pitture, bassorilievi e altri segni della religione cristiana, si trovano ad esempio  sulla strada che seguo ogni mattina per andare  con mia moglie Claudia in via Volpago Sud e in altre strade del paese, ma si passa davanti anche a degli alberi sacri dedicati a a San Antonio da Padova a San Benedetto ed ad altri, e troviamo anche alberi dedicati alla Madonna. Ci sono anche capitelli nei giardini degli abitanti come quello dedicato a Padre Pio che si trova nel giardino dei coniugi Erminio Brisolin e Diana Zanatta dove ogni anno il 23 settembre, giorno dedicato al Santo, si svolge la Santa Messa e a Maggio, mese Mariano, si recita il rosario.

Attualmente Don Alessandro sta seguendo la costruzione di altri due capitelli, il primo dei quali dedicato a Giovanni Paolo XXIII, il “Papa buono, il Papa dei bambini” l’unico dedicatogli in comune di Ponzano Veneto. È stato voluto dai coniugi Roberta Callegari e Giovanni Picciol per una grazia ricevuta quando erano giovani sposi e mercoledi 3 Giugno 2015, anniversario della morte del Santo (1963), si è celebrato una funzione di benedizione con la posa della pietra che proviene dalla casa Natale del Santo in Sotto il Monte (Bergamo) e il bacio della reliquia di San Giovanni XXIII custodita nella parrocchia di Merlengo. Il nuovo capitello è in via Stradone 7 al confine tra Ponzano e Villorba.

Gli affreschi sono stati commissionati agli artisti Giancarlo Barese e Silvia Toffoletto, ricorderanno la tragedia  della Grande Guerra e la riscotruzione delle nostre case e paesi, nel 100° anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale e dal 70° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale ed infine nell’anniversario del 50° Concilio Ecumenico Vaticano II° voluto da Papa Giovanni XXIII.

Un secondo capitello dedicato a San Cristoforo, patrono degli autisti e viandanti, lo stanno costruendo i fratelli Massolin da Merlengo in via del Bellato e la benedizione è prevista per il 23/24 luglio 2015.

La parrocchia di Merlengo, in preparazione al 1700° anniversario della nascita (316 – Sabaria, attuale Ungheria) di San Martino da Tours, ha preparato uno stendardo dedicato al Santo Testimone della Solidarietà, dipinto da Moreno Favaro da Merlengo e confezionato dalle sarte del Gruppo Milo Burlini di Ponzano Veneto. Un pellegrinaggio è stato fatto sulla via Sancta Martini attraverso la Slovenia fino alla città natale di San Martino, Szombathely. L’associazione dei Fanti di Ponzano Veneto è stata delegata a portare il nuovo stendardo fino al Santuario del loro Santo Patrono.

E ora vi racconto in dialetto la storia del capitello presente a casa mia:

“Ve conto anca a so storia, sta nichia a ze in Via Muri n.33 a Merlengo. A ze staa fata da me pare Giuseppe Troncon (Toni Santon) sol so toco de casa dove che el abitaa co me mare Amelia Trentin (Melia Maran). Mi e me moier abitaimo su un toco de casa in parte, a casa dei mei, e a ga ospità sul sora dea casa parti de trenta ani na Madona de Lourdes. Morti i me genitori, tra el 2013 el 2014, a gò restauraa tuta. Prima abitao sua stesa casa su un apartamento in parte e quando nel restauro i mureri ga ciapà par man a nichia, esendo a Madona de gesso, spostandoea a se ga spacaa; a go giustaa aea meio e a go mesa so n’altro posto. Termina el restauro ghe go meso n’altra Madona che me gavea regaea un amico el me asicurator, Raffaele Nardin, da Poveian co ufici a Montebeuna, a Madona de Medjgorie: Raffaele el organizava anca tanti viagi so sto paese dea ex Jugoslavia. Mi! el voea sempre portarne, “ma son sempre tanto impegna coi me negosi” ghe diseo! “Un ano o che altro vegno!”.

Chel’ano che gaveo quasi deciso de n’arghe ze suceso na bruta roba: un di vien en negosio a Montebeuna a portarne da pagar e poize scadue so fiol de Raffaele, Michele, e sicome che da pi de ventisinque ani vegnea sempre so pare, mi scherzando ghe go dito: “ma ze morto to pare che te si vegnuo ti?” lu abasando la testa el me ga dito: “Si el ze morto!”. Son sbianca anca parché no el saveo. Michele el ga dovuo deventar suito grando e continuar a far quel che el fasea so pare co so problemi, ma adeso a distanza de sinque ani, el laoro prosegue ben. La mare de Michele ze tornaa a Medjugorie e a me ga porta a casa a Madona Alta pi de mezo metro in marmo e a go mesa su a nichia al posto de quea pi cea che me gavea regaea Raffaele. Quea cea invese a go mesa nel me ufficio a casa e quando son la che fao contabiita o scrivo qualche raconto par i me libri o par Marca Aperta, ogni tanto ghe buto un ocio e cussì me vien sempre in mente sta storia. Grasie Don Alessandro e spero che el to libro e el me libro en diaeto de Merlngo insieme a tuti i libri scriti nei nostri tre paesi dai scritori locai, tuti insieme se posa contribuir, a continuar nea ricerca dee nostre radici umane dea nostra tera natia. Grazie a redasion de Marca Aperta. Grasie Grasie!

Luigino Troncon

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*