Home / Storie di Marca / A Vita Vera – Zoghi de quando gero ceo.
Zoghi - Luigino Troncon
Zoghi - Luigino Troncon

A Vita Vera – Zoghi de quando gero ceo.

ZOGHI DEI CEI  

Stavolta vui contarve dei zoghi che se fasea na volta, quando mi gaveo sirca sete oto ani, pi de sinquantasinque ani fa. Essendoghe che i ani la tanta povertà, se gera pena uscii da l’ultima guera del ’45 da poco pi de tredeze ani.
Sui nostri picoi paesi de campagna a zente a lavorava quasi tutta sui campi, a parte qualcun che fasea el murer, qualche favaro che el lavorava el fero, el inferava i cavai e el ghe taiava e onge ae vache, qualche altro el gavea na ostaria, o el casoin un negosio de stofe e na farmacia in tutto el comune e na bottega de barbier.
In ste condision no podeimo de certo comprarse dei zogatoi, e a sto punto i zogatoi si faseimo magari co l’aiuto dei nostri pari e dei nostri noni.
Costruiimo dei careti coe rodee de legno e tante volte ghe picaimo el can par tirarli. I ne costruia anca dee slite che d’inverno e faseimo cora sua neve e sul giaso.

A FIONDA

A Fionda – Me ricordo che tante volte andaimo dietro a villa Chiozzi, la sul parco me ricordo ghe gera na gran busa, che i ghe fasea andar dentro l’aqua dea canaeta, cusi se formava un laghetto che d’inverno el se ingiasava, e cusi andaimo tutti a slitar coe slite e se divertiimo un mondo.

Zoghi - La Fionda

Zoghi – La Fionda.

N’altro zogo che faseimo tuti noi altri tosatei el gera farse e fionde. E fionde se e faseimo con un toco de legno fato a forsea, tirò fora da na sanguanea, a gera na pianta coe rame tanto elastiche che se trovaa drio ai fossi. Co che rame me pare e me nono d’inverno in staea i fasea anche e scoe, che e servia a scoar el cortio e anca a staea.
Tornemo aea fionda fata a forsea, che ligavo do elastici ghe tacavo na curamea che serviva par tegner el saso.
Fate e fionde noi altri tosatei se andava pai campi a tirarghe ai osei e qualcun anca el ciapaimo.
Ma el zogo preferio gera de tirarghe ai cicare de vero o de ceramica, quee che tegnea i fii dea corente del enel che rivava sue nostre case. Ogni tanto se ne centrava qualcuna e anca a rompeimo.

MASA COLPITO

Masa colpito – N’altro zogo a gera na masa colpito, anca sto zogo el vegnea fato da ogni tosatel, te taiavi un toco de legno sul mezo metro da un ramo de gazia che el gera un legno beo duro.
A circonferensa de sirca tre sentimetri e dopo seo speava par ben coa britoea finchè no el vegnea bel tondo e bel liscio, finio questo che a gera a masa, se taiava n’altro toco del steso legno circa diese sentimetri co do ponte sui lati se fasea el pito sempre lavorà coa britoea.
A chel punto la el zogo el gera fato; se andava su un piano incementà, se metea el pito par tera, e coa masa se ghe dava un colpo forte su una dee ponte del pito, co sto colpo el pito se alsava de sirca un metro e a sto punto se ghe dava n’altra bota al voeo e chi lo butava pi distante vinsea a gara.

BAETE

El zogo dee baete – Che gera anca el zogo dee baete. Aea mattina prima de andar dentro scuoea ae elementari, partiimo da casa coa sacheta e i libri, e e scarsee piene de baete de viero coeorà, e anca quee de fragna che e gavea meno vaeor.
Fora dea scuoea ghe ne meteimo in fia quante che decideimo par omo, anca na trentina, faseimo a conta a chi tirava par primo e quei dopo, e da noe – sie metri se ghe tirava co n’altra baea pi grosa, e da quea sua fia se ciapapa, se vinsea tute quee dopo. Tante volte se entrava coe scarsee piene e gonfie de baete e cusi ciapaimo paroe anca daea maestra.

SALTA MORER

Salta morer e salta foss – Zogaimo anca a salta morer; el zogo se fasea metendo asieme na ventina de tosatei, quel pi robusto fasea da paeo,n’altri nove se metea ciapai al primo su par lu e che altri piegai a quarantasinque gradi ciapai uno su pa che altro.
I diese che restaa uno aea volta ciapava a rincorsa, e saltava sora che altri piegai. Se aea fine i croeava i dovea restar ancora soto, se invese i tegnea, el zogo se invertia.Se zogava anca al baeon, ogni posto el andava ben, sui campi, davanti aea scuoea e sul campeto del prete.Se fasea anca el salta foss, andaimo su un canal bel largo co l’aqua che corea ciapaimo a rincorsa e chi no riuscia a saltarlo finia in aqua.De sti zoghi ghe ne inventaimo ogni di. Se zogava anca a scondicuco, ma questo veo conto n’altra volta.

ZOGHI DEE TOSETE

I zoghi dee tosete – E tosete invese e zogava coe bamboe, o e saltava coa corda, o coi anei o ghe aiutava a somare a far aissia o e imparava a cusir soe machine da cusa a man o pedal de so mare o de so nona, o e imparava a far da magnar.

Ve saeudo e ve do appuntamento a qualche altra storia de quando gero ceo.

Espressioni di MarcaAperta, casa editrice, a grande richiesta pubblicherà presto un libro con le storie di Luigino Troncon. 

Luigino Troncon

2 commenti

  1. Giuseppina Cristofani

    Bravo Luigino,continua cosi …

  2. bravo luigino !

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*