Home / Storie di Marca / A Vita Vera –
E Cavalcae Sua Musa
muli
muli

A Vita Vera –
E Cavalcae Sua Musa

” Sui campi soeo coa musa…” – Quando gaveo sui sie,  sete ani, e restavo a casa, nea nostra casa coeonica da soeo, parchè i mei i andava tutto el di daea mattina presto fin che vegnea notte,  sui campi a far i lavori. Restavo a casa mi e me fradel Orlando, che el gavea quattro anni pi de mi, lu ghe piasea zogar al baeon, e ora la dopo mezodi, el andava pena fora dea nostra stradea, dove che ghe gera e scuoe vecie dove che quei del paese i andava tutti a far e elementari. Invese quei che abitava sora aea “Osteria Al Baston” i andava so quee in campagna a Marlengo. Orlando la el catava i so amisi e prima dea sera i riuscia a far qualche partia a baeon sul cortio dea scuoea.
Mi no me parea gnanca vero de restar a casa da soeo. A mi me piasea invese far el cavaeriso, andavo in staea e visto che, chel di la tocava a mi,  a sistemavo.

La Musa

[pullquote align=”left”]A mi me piasea invese far el cavaeriso, andavo in staea e visto che, chel di la tocava a mi, a sistemavo.[/pullquote] Do vacche no e ghe gera, parchè me pare che me mare le gavea tacae sul caro e i gera andai a tor el foraio che me pare e me cugin Secondo che el gavea ormai pi de vinti ani, i taiava coi falsini.
Un pochi de di prima, sua staea gera restà na vacca e a musa, caricavo el ledame sua bunea e el portavo sua corte, finio ghe meteo a paia nova par farghe el leto. A chel punto la ghe meteo e briglie aea musa e ghe meteo anca el sottopansa, che el servia par tacar e stanghe, che e gera tacae al caro.
Quando se andava sui campi soeo coa musa, finio sta operasion ghe moeavo a caena dove che a gera ligaa sua grepia dove che ghe daimo da magnar, e coe briglie in man portavo a musa fora daea staea sul campo.
A portavo visin a un tronco de albaro taià, e sicome che gero ancora ceo, montavo sora el tronco e con un salto, saltavo sora a musa, a gera granda come un mul.
Partivo, a cavalcavo a peo, parchè paea musa no esistea a sea, come ghe gero riuscio a montar a partia de corsa par ea no esisteva andar al paso o al troto, come i cavai, a corea e basta. E ora via de corsa su pai campi, che gaveo da drio a casa coeonica dove che abitavo, e visto che a nostra casa a gera l’ultima, poca zente a me vedea, ma anca se i me vedea, i se gera abituai.

[pullquote align=”right”]E ora via de corsa su pai campi, che gaveo da drio a casa coeonica dove che abitavo, e visto che a nostra casa a gera l’ultima, poca zente a me vedea, ma anca se i me vedea, i se gera abituai.[/pullquote]

Na volta…

La musa

La musa de Luigino.

Me ricordo che na volta a corea talmente forte, che non so pi riuscio a star montà sora e a chel punto la ghe son finio sotto a pansa, par fortuna che gaveo meso el sotopansa, e cusi son riusio, a star pica su queo. Quando a se ga calmà, son riusio a rimontarghe de sora e tornar a casa pien de paura. A casa no gera tornà ancora nesuni, ne me fradel, ne me pare e me mare cusì a go fatta franca anca chea volta. Tante altre volte andavo col caro ea musa a catarghe da magnar ae vache o a taiar e sime del saturco, che se e ghe dava a magnar insieme coa pastura. Partivo da soeo parchè i campi i gera bastansa distanti, ma paea strada caricavo n’altro tosatel, che in està el vegnea in vacansa da so noni a Merlengo, parchè so pare el gera da Beun, e el gavea sposa so mare da Merlengo che abitava poco distante da casa mea. El ze venuo abastansa ani e semo deventai tanto amisi el se ciamava Francesco e cusi tra mi e lu, gaveimo fato un pato che se ghe asavo guidar a musa fin sui me campi, lu el me invitava a catarghe da magnar ae vache. E ora da quando el caricavo sul caro el guidava lu. A musa a gera quasi na musa da corsa, a corea sempre.

Quando verso i campi ae scorsere ciapaimo na stradea, a gera par quasi dusento metri tutta drita, a gavea un fondo sabioso, a musa a se divertia a cora ancora pi forte, mi tiravo sempre el fren a man parchè se no el caro da quanto forte el andava, el se rebaltava. Par andar anca so che altri campi che i mei gavea ai Prausini e al simitero pasaimo aposta sempre par chea stradea là. Arrivai sui nostri campi riusciimo so do tre ore, a far un bel carico de magnar pae vache, anche parchè gaveo un bel aiuto da Francesco. Finio de caricar el caro tornaimo a casa, guidava fin casa sua de so noni Francesco. Semo andai avanti par un bel pochi de ani, fin che no el ze deventà grandeto e ne el ze pi venuo, però semo mandai ancora qualche letera.

Adeso ve saeudo e penso che presto ve contarò qualche altra storia che go visuo da tosatel.

Una storia vera di Luigino Troncon.

Luigino Troncon

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*