Home / Musica / “Vivi a domani” il debutto musicale dei Sirente in radio e online
SIRENTE - VIVI AL DOMANI

“Vivi a domani” il debutto musicale dei Sirente in radio e online

E tu vivi a domani?

“Vivi a domani” è il singolo di debutto per la band italiana dei Sirente che fa il suo esordio nel mercato discografico italiano e internazionale, forte della produzione e pubblicazione di Ioska Versari e della FLEBO Records.

Il brano dal titolo “Vivi a domani”, racconta di quel futuro che ci è sembrato venire a mancare sin da piccoli. Un tema indelebile della vita di ognuno di noi quando Riccardo Giuliani, componente più giovane della band e autore del brano, pensa alla sua vita fra i nove e i quattordici anni e purtroppo la catastrofe del terremoto si è abbattuta nella sua terra d’origine.

Tutto si è fermato, come se il futuro per lui, non sarebbe più potuto arrivare. Com’è già apparso in altri brani, la “Lei” della storia è la musica, che ha proseguito nell’opera di grande compagnia e speranza. Il contesto territoriale abruzzese ha molto influenzato l’ispirazione dei Sirente.

Le grandi soluzioni arrivano dopo, prima esiste l’originalità delle azioni quotidiane aspettando una nuova generazione di ragazzi con il palmo della mano aperto alle chiavi che costruiranno un futuro che si possa intravedere solo se ci si tiene stretti a partire dal presente.

Il lavoro di “Vivi a domani” è seguito dal producer di Mara Maionchi nelle edizioni dal 2017 al 2019 della trasmissione televisiva XFactor e il project management di Faro Entertainment.

Per parlare dei Sirente attraversiamo il genere del pop attuale e immediato, uno stile it-pop e la bella tradizione cantautorale. La melodia è incorniciata da una produzione tradizionale e una moderna azione dei synth che porta al sound attuale con testi semplici concepiti per immagini e di facile immedesimazione anche grazie ad un canto che unisce perfettamente spinta e controllo.

Biografia

I Sirente sono composti da: Jonathan Di Felice front man, Matteo Fontana alla batteria e i fratelli Valerio alla chitarra e Riccardo Giuliani al basso.

Come dicevamo sono quattro ragazzi abruzzesi profondamente legati alle proprie radici e alla passione per la musica e il sentimento comune verso l’appartenenza al territorio.

La resilienza della terra dalla quale proviene porta anche il nome della band scelto dalla vetta più alta del gruppo montuoso che sovrasta la loro città di provenienza.

Gianni Fellissent

Antropologo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*