Home / Musica / Quando sei “rock” è un bel complimento!
Tu sei rock musica
TU SEI ROCK

Quando sei “rock” è un bel complimento!

Ciao tu sei rock

Ciao, oggi parliamo della storia del rock. Questo è un genere musicale seguito da miliardi di persone. Quindi non stiamo parlando di un genere di nicchia, ma di un fenomeno musicale mondiale.

Perché oggi non parliamo della musica indipendente? Perché il nostro compito è di informarvi sulla musica e anche questa è musica.

Il rock nasce negli anni Cinquanta negli Stati Uniti da una base chiamata rock‘n roll che poi, grazie al grande successo che è arrivato, si è diviso in tante “varianti”.

Partendo dalle sonorità del rock, sono presenti diversi strumenti musicali, ma spiccano chitarre amplificate, tastiere elettriche e tanta batteria. I testi raccontano di temi sociali e attualità, ciò che non racconta la musica pop e il cantautorato.

La storia colloca un brano come germoglio del rock. Stiamo parlando di “Rock Arround the Clock” un brano del grande Bill Haley datato 1955, ma noi tutti dobbiamo pensare che il rock ‘n roll ha come padre Elvis Presley.

Il percorso musicale arriva in Gran Bretagna negli anni 70 e in questa terra fa nascere dei “mostri sacri” cioè nomi eterni del rock. Who, Beatles, Rolling Stones, U2, Duran Duran,Europe, Spandau Ballet, Genesis, Area, sono solo alcuni nomi di band che hanno scritto la storia della musica attraverso il rock, anche perché i temi erano liberi e ognuno ha detto ciò che si sentiva di dire.

Contestazioni giovanile, testimonianze di guerre civili, amore, temi sociali, tutto è rock. Naturalmente non ci siamo dimenticati dei Led Zeppilin, Deep Purple, AC/DC, Metallica. il fatto risiede nella vasta carriera e storia del rock ancora che non è ancora finita.

Tutti i giorni nascono nuove band e nuovi cantanti devoti al rock, quindi il genere eterno, assieme a ogni altra forma d’arte eterna continua il percorso. Non c’è tappa, non c’è ostacolo quando suona il rock e niente e nessuno lo ferma. Quando si dice che sei “rock” non può che essere un bel complimento.

Gianni Fellissent

Antropologo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*